Zone of the Enders The 2nd Runner MARS

Share

Zone of The Enders è stata una delle saghe più lungimiranti della prima decade di inizio 2000; il secondo capitolo in particolare, The 2nd Runner, torna con una riedizione pensata per il 4K e realtà virtuale.

Zone of The Enders – The 2nd Runner MARS è la riedizione del celebre capitolo per Playstation 2 della serie ZoE. Con queste nuova edizione, Konami punta tutto sulla resa grafica abbinata alla possibilità di giocare l’intera campagna in VR.

Senza fare troppi preamboli, vi basti sapere che il protagonista, Dingo, si troverà a pilotare forzatamente l’iconico Orbital Frame denominato Jehuty in una corsa contro il tempo. Tra campi di battaglia e basi sotto assedio prende vita l’intera trama di The 2nd Runner, narrata altresì attraverso un anime introdotto sotto forma di cut-scenes, scelta che si amalgama perfettamente con la natura Otaku del titolo nipponico orchestrato in origine da Hideo Kojima.

Zone of The Enders – The 2nd Runner MARS non è solo la rimembranza di una saga perduta nell’oblio dei titoli in attesa di un seguito che mai avrà luce, ma anche una nuova luce per una pietra miliare del videogioco da poter riscoprire in realtà virtuale.

Difatti, la vera chicca introdotta in questa edizione di The 2nd Runner è la possibilità di giocare con la visuale in soggettiva posta dall’abitacolo del Jehuty e fruibile su Playstation attraverso il PSVR e su PC con l’ausilio di OCULUS o HTC VIVE.

Se di primo impatto questa nuova modalità può lasciare perplessi, possiamo garantire che l’immersione è grande ed altamente godibile. La totale rielaborazione delle texture pensate per il 4K ed effetti di post processing migliorati, abbinati ad un frame buffer più elevato, anche in VR rendono il tutto più nitido e cristallino rispetto alle versioni precedenti, rendendo la scelta del VR la più azzeccata per godere appieno di questa perla rara.

Ad ogni modo, anche senza realtà virtuale, Zone of The Enders The 2nd Runner MARS resta un titolo altamente godibile e visivamente affascinante, grazie all’enorme lavoro di restauro effettuato dagli sviluppatori; anche se i difetti non mancano.

Soprattutto per quanto concerne il versante audio, la versione Steam in particolare, a detta di diversi utenti, sembra soffrire di porzioni di audio mancanti e per quanto riguarda la nostra esperienza di gioco, effettivamente abbiamo avuto diversi problemi con l’audio che risultava gracchiante in sottofondo. Siamo riusciti comunque ad arginare il problema con l’ausilio d’una scheda audio dedicata, soluzione che purtroppo non risulta a buon mercato.

Il gioco ha inoltre la possibilità di sbloccare il framerate e quindi disabilitare il lock a 60FPS, peccato però che il codice sorgente del titolo non sia stato adeguato ad FPS più elevati, rendendo di fatti impossibile giocare il titolo oltre i 60FPS, risultando del tutto accelerato e per questo non fruibile.

Tralasciando queste inezie tecniche, è da sottolineare che sarebbe stata gradita la possibilità di scegliere tra lingua Giapponese ed Inglese, mentre, almeno per il momento, il titolo per il mercato europeo è distribuito con la sola lingua inglese e sottotitoli selezionabili. Data la natura anime del titolo la lingua Giapponese avrebbe potuto dare quel tocco di cult in più ad una perla simile.

Oltretutto, ci chiediamo il perché limitare la riedizione al solo secondo capitolo e non effettuare una totale conversione di entrambi i capitoli in un compendio che, se totalmente rimasterizzato e fruibile in VR, sarebbe stato apprezzato dalla gran parte del pubblico.

In definitiva, Zone of The Enders The 2nd Runner MARS è una riedizione coi fiocchi apprezzabile sia da chi lo ha giocato ai tempi che da chi per la prima volta sale a bordo del Jehuty.

Un’esperienza incredibile ed immersiva come non mai, forse con qualche difetto, ma nulla che possa inficiare la magnificenza di una perla rara come come Zone of The Enders.

Posted (Geexmag.com)

Joshua Fidone

Classe 1989, ad otto anni assembla il suo primo PC e dall'ora coltiva la passione per hardware e videogames. Tra i titoli preferiti si annoverano Doom, Half-Life ed il leggendario Metal Gear Solid. Ha scritto per IGN, Leganerd, Geexmag ed oggi Caporedattore per Pcmasterrace.it.

You may also like...

Lascia un commento